Versamento assegni su libretto postale: è possibile farlo? In che modo?

assegno

Il libretto di risparmio postale è un prodotto che ha fatto la storia del popolo italiano: è uno strumento ancora molto diffuso, ma forse non tutti ne conoscono appieno le potenzialità. Uno dei dubbi più ricorrenti riguarda la possibilità di versamento di assegni su libretto postale: è un’operazione possibile? E qual è la procedura da seguire per portarla a termine? In questa pagina daremo una risposta a questi due quesiti molto comuni.

In quali casi si può effettuare il versamento di assegni su libretto postale?

È possibile fare un versamento di assegni su libretto postale? La risposta è sì, anche se ci sono delle precise condizioni, anzi, un’unica ma determinante condizione. L’assegno può essere versato sul libretto solo se è intestato al titolare del libretto stesso; ciò significa che l’operazione è possibile solo se il libretto è nominativo, mentre è impossibile per i libretti al portatore. Bisogna aggiungere anche che non si possono versare assegni non trasferibili o assegni postdatati. La procedura da seguire per versare l’assegno è abbastanza semplice, anche se non sarà possibile procedere con l’incasso della somma se non dopo parecchi giorni. Per versare l’assegno basta recarsi presso un ufficio postale e richiedere il modulo di versamento più appropriato, che è il modulo di richiesta servizi a valere sul conto corrente BancoPosta so u Libretto di Risparmio Postale. Una volta compilato il modello bisognerà apporre una firma e consegnare l’assegno allo sportello.

Le tempistiche dell’operazione

Come detto, non c’è nulla di particolarmente complicato per effettuare il versamento di assegni sul libretto postale. Le difficoltà (se così si può dire) arrivano dopo, nel senso che l’assegno, dopo che è stato versato, non compare nel libretto postale. Questo è dovuto al fatto che Poste Italiane registra l’operazione solo ad incasso avvenuto: non c’è nessuno accredito nel caso in cui il pagamento non andasse a buon fine. Per poter ritirare l’importo dell’assegno dal libretto bisognerà quindi attendere l’incasso da parte di Poste Italiane: per questo è possibile che si debba attendere per diversi giorni. L’attesa è di solito di quattro giorni se è stato versato un assegno postale, mentre si devono aspettare fino a sette giorni nel caso in cui sia stato versato un assegno bancario.

Conclusioni

In conclusione si può dire che è possibile effettuare il versamento di un assegno sul libretto postale, a patto che:

  • il libretto sia nominativo;
  • l’assegno sia intestato al titolare del libretto nominativo;
  • l’assegno non sia postdatato;
  • l’assegno non sia non trasferibile.

Dopo il versamento, le somme potranno essere prelevate solo dopo che Poste Italiane ha incassato l’importo: l’attesa può arrivare fino a quattro giorni per gli assegni postali e fino a sette giorni per gli assegni bancari.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>