Mercati finanziari: consigli e suggerimenti per fare trading online nel post Covid

trading

Qualsiasi investitore che si avvicini per la prima volta al trading online, per non rischiare di commettere errori dovuti all’inesperienza, ha bisogno di costruire un background di informazioni. Proprio per questo è importante approfondire le proprie conoscenze, eventualmente anche avvalendosi dei numerosi e validi tutorial, oggi disponibili gratuitamente sul web; ad esempio, la guida di tradingonline.me, contenente consigli e suggerimenti per iniziare ad operare nel post covid, è una risorsa eccellente per quei risparmiatori che non hanno idea di come iniziare a muovere i primi passi nel mondo dei mercati finanziari. Offre numerose strategie, ma anche info sui principali broker online, per supportare le fasi più delicate di chi si avvicina a questo settore per la prima volta. Tradingonline.me (clicca qui per il sito) consente di accedere ad un percorso didattico costruito sulle esigenze personali di ciascun utente.

Primi passi con il trading online: dalla selezione degli asset alla scelta del broker

Ottenere un risultato positivo da un’operazione di trading online presuppone che un investitore riesca a vendere un’attività finanziaria ad un prezzo più alto, rispetto al prezzo di acquisto, non necessariamente in quest’ordine cronologico. Per poter iniziare a negoziare, quindi, bisogna innanzitutto scegliere un sottostante da tradare, poiché, in base alle caratteristiche dell’investitore, un asset può essere più idoneo rispetto ad un altro. Naturalmente oggi la scelta è talmente varia che si può spaziare dal Forex alle Azioni, dalle Materie prime agli Indici, fino ad arrivare alle più recenti Criptovalute. A questo punto non resta che aprire un conto operativo presso un broker affidabile: l’intermediario, infatti, è la figura che fisicamente ha il compito ti trasmettere gli ordini impartiti dal trader e custodire i fondi su conti segregatati, erogando i propri servizi con una licenza rilasciata dall’organo di vigilanza competente.

Inoltre è conveniente scegliere fra società che permettano di accedere ai mercati finanziari a costi contenuti; ad esempio, oggi, fra le varie opzioni, vi è una tipologia di broker che offre quasi tutte le asset class, attraverso la negoziazione dei Contratti per Differenza. Questi particolari derivati replicano il prezzo di un’attività finanziaria senza possedere il sottostante e hanno il vantaggio di poter essere acquistati e venduti senza pagare una commissione di negoziazione, ma solamente lo spread tra denaro e lettera.

Gli intermediari che li offrono ai propri clienti sono completamente gratuiti e non hanno barriere di accesso: infatti, i depositi iniziali necessari per sottoscriverne i servizi, sono solitamente molto contenuti. Inoltre, la strumentazione rilasciata per operare è ampiamente funzionale: si può gestire ogni genere di ordine – a mercato, limite, stop order, condizionati- con semplici gesti e con l’ausilio di un’interfaccia grafica che facilita l’analisi di tutti i sottostanti che si intenda negoziare.

Strategie da cassettista vs operatività da trader

Un risparmiatore cassettista può diversificare il proprio patrimonio sulle varie asset class che compongono l’allocazione di portafoglio più adatta a raggiungere gli obiettivi di investimento, rispettando il personale profilo di rischio ed un coerente orizzonte temporale. Di contro, un trader -che solitamente ha una visione più speculativa dei mercati- può sfruttare alcuni strumenti delle piattaforme rilasciate dai broker online utili per implementare una strategia più aggressiva.

La leva finanziaria, ad esempio, permette di aumentare la size dei singoli trades, mentre lo short selling dà la possibilità di sfruttare anche i trend ribassisti che si sviluppano sui time frames veloci dei vari sottostanti. Tuttavia questo approccio, come sottolineato dagli esperti tradingonline.me, va ben ponderato, poiché per controllarne i rischi, devono essere approntati i giusti accorgimenti, come un corretto money management ed un uso sapiente degli stop loss.

Un aspetto positivo è che oggi, rispetto al passato, la maggior parte dei broker mette a disposizione dei propri clienti sezioni didattiche, a supporto dell’operatività. Qualsiasi utente, infatti, può fruire in qualunque momento di ebook, videocorsi e webinar tenuti da esperti del settore, il tutto in maniera completamente gratuita. Se ciò non fosse abbastanza, sono comunque diverse le funzionalità che il trader può sfruttare per costruire una strategia profittevole, basti pensare alle numerose piattaforme di social trading che oggi permettono di condividere e replicare le operazioni che dimostrano più resilienza sul mercato.

 



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>