Come fare trading nel 2021: tutto quello che c’è da sapere per chi inizia a investire

trading

Da un punto di vista prettamente tecnico, iniziare a fare trading online non è mai stato così semplice. In questo momento storico infatti è sufficiente avere a disposizione una connessione a internet sufficientemente performante ed un qualsiasi dispositivo (può trattarsi di un pc o di un laptop, ma anche di un tablet o di uno smartphone), per investire nelle borse e nei mercati di tutto il mondo. Questa apparente semplicità non deve però fare pensare che il trading sia un gioco da ragazzi: stiamo infatti parlando di una materia ricca di nozioni e di sfaccettature, che deve essere studiata e in qualche modo “padroneggiata” per potere operare con reale cognizione di causa.

Per fortuna la tecnologia offre un grandissimo aiuto anche da questo punto di vista: al giorno d’oggi, infatti, la rete offre risorse valide in grado di fornire tutte le informazioni necessarie per avvicinarsi al mondo del trading online e diventare un investitore di successo. Ne è un esempio DiventareTrader.com, portale dove trovare approfondimenti, guide e consigli utili per supportare il trader nella scelta delle strategie migliori per investire nei mercati finanziari.

Come funziona il trading online

L’obiettivo di un trader è quello di arricchirsi attraverso la compravendita dei vari beni e dei vari strumenti finanziari in vendita nel mercato. Questo risultato è possibile grazie a un concetto basilare del mondo delle negoziazioni digitali, ovvero quello di volatilità. Il valore di un asset quotato infatti non è quasi mai fisso: al contrario è volatile e questo vuol dire che può variare a seguito di tutta una serie di condizioni, input, fattori.

Chiaramente lo spostamento di prezzo può andare tanto al rialzo quanto al ribasso e qui entrano in gioco le capacità di un investitore. Un trader infatti deve tendenzialmente riuscire a leggere il mercato: a interpretare prima della concorrenza i fattori di cui sopra, in modo tale da comprare un asset quando il suo prezzo è basso e poi rivenderlo nel momento in cui risale, ottenendo così un guadagno.

Cosa sono gli asset

Nel capoverso precedente si fa ricorso ad una parola fondamentale nel mondo del trading online quale “asset”. In finanza, il termine “asset” può venire utilizzato per fare riferimento praticamente a tutti i beni e/o a tutti gli strumenti finanziari quotati in una qualsiasi borsa o in un qualsiasi mercato. La parola “asset” può dunque paradossalmente venire utilizzata sia per parlare di “azioni” che per parlare di “obbligazioni”: due strumenti finanziari molto noti e apprezzati, che però presentano caratteristiche molto diverse l’uno dall’altro.

Infatti le “azioni” sono delle quote percentuali di aziende messe in vendita sul mercato: chi acquista delle azioni diventa proprietario a tutti gli effetti dell’azienda in questione (anche se in parte minima) e dunque lega ad essa il suo destino. Al contrario le “obbligazioni” sono dei semplici contratti, che danno molte più certezze al trader. Siglando un’obbligazione, l’investitore sa in anticipo sia la cifra che andrà a spendere, sia quella che andrà a guadagnare: il creditore infatti ha diritto alla restituzione del denaro versato in forma rateale, con degli interessi aggiunti prestabiliti al momento della firma del contratto.

Cosa sono i broker

Un altro aspetto fondamentale per iniziare a investire è la scelta del giusto partner e questo argomento chiama in causa i broker. I broker sono dei siti o delle piattaforme che svolgono il ruolo di intermediario finanziario: un utente si iscrive a un broker ed ottiene in cambio la possibilità di accedere a borse, a mercati e a strumenti finanziari selezionati.

La scelta del giusto broker è fondamentale non solo per la selezione di asset presenti al suo interno, ma anche per le condizioni e le modalità d’uso della piattaforma, che possono variare di caso in caso.

 

 

 



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>