Cvv PostePay: cos’è e a cosa serve? Dove si trova e quando si usa?

cvv postepay

La PostePay è stata la prima prepagata emessa in Italia e per questo è una delle più diffuse. Molto spesso viene utilizzata quando si fa shopping online: quando è il momento di efettiar eil pagamento di solito bisogna inserire il codice di sicurezza CVV. Non tutti però sanno cos’è, a cosa serve e soprattutto dove si trva questo codice CVV PostePay.

Cos’è e quando si usa il codice CVV PostePay

Il codice CVV PostePay è uno strumento di sicurezza che è stato introdotto per rendere più sicure le transazioni: chi lo conosce infatti idmostra di essere realmente in possesso della carta. CVV è l’acronimo di Card Verificarion Value, ma in alcuni casi viene indicato anche come CVC, ovvero Card Verification Code, o cIN, cioè Card Identification Number. Quando si fa un acquisto online e nella procedura di pagamento viene richiesto questo codice, molti utenti si spazientiscono, pensando che sia solo una seccatura in più. In realtà il CVV rappresenta una protezione per l’utente stesso, perché solo chi ha veramente in possesso la carta può conoscerlo. Il codice CVV Postepay si usa in due casi:

    • quando si devono pagare degli acquisti online;
    • quando si deve abilitare la carta nell’applicazione App PostePay.

Chi non ha dimestichezza con gli strumenti di pagamento alternativi al contante, potrebbe fare un po’ di confusione tra CVV e PIN. Sono entrambi codici necessari per poter utilizzare la propria PostePay e che devono essere mantenuti segreti, ma sono cose completamente diverse. Il PIN è il codice di cinque cifre che deve essere digitato quando si effettuano acquisti tramite POS nei negozi fisici e quando si preleva del denaro allo sportello Postamat; il CVV invece viene utilizzato per completare il pagamento degli acquisti online.

Dove si trova il codice di sicurezza della carta prepagata

Il codice CVV PostePay è molto semplice da trovare: basta girare la carta e guardare accanto allo spazio riservato alla firma. Nelle PostePay tradizionali (quelle gialle) è possibile trovare una serie di numeri, ma quando viene richiesto il CVV bisogna inserire solo le ultime tre; nelle PostePay Evolution invece è tutto più semplice perché sul retro sono presenti solo tre numeri: non ci si può sbagliare, quello è il codice di protezione della carta.

Può capitare che con il passare del tempo i numeri stampati sul retro della carta possano sbiadire, diventando illeggibili: se non sono stati memorizzati, la PostePay non potrà più essere utilizzata per fare acquisti online (ma potrà essere ocmunque usata per prelevare ee pagare al POS inserendo il PIN); per ovviare a questo problema sarà necessario richiedere una nuova carta presso un ufficio postale.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>