Carta di credito virtuale: come funziona e come si ottiene, quanto costa?

carta di credito virtuale

Fino a non molti anni fa si faceva fatica a pensare a metodi di pagamento alternativi ai classici contanti e assegni; di recente invece sono stati sviluppati numerosi strumenti comodi ed utili, perfetti anche per pagare gli acquisti fatti sul web. La carta di credito virtuale rappresenta una delle novità più interessanti: vediamo come si ottiene, come funziona e quanto costa usarla.

Cos’è, come si ottiene e come funziona la carta di credito virtuale

La carta di credito virtuale è uno strumento che può essere utilizzato in sostituzione della propria carta di credito reale. Quando si fa un acquisto online, per completare il pagamento è necessario scrivere il numero di carta, la data di scadenza ed il codice CVV (quelle tre cifre riportate sul retro della carta). Si tratta di informazioni sensibili, perché se un malfattore le intercettasse potrebbe utilizzarle a suo beneficio ed a discapito del titolare della carta. Per evitare che si verifichino cose del genere e che degli acquisti fatti su siti non proprio sicuri si trasformino in un dramma finanziario, si può ricorrere alla carta di credito virtuale.

Sempre più banche permettono ai loro clienti di richiedere questo servizio. Il meccanismo è all’apparenza molto semplice, ma nella realtà è molto efficace: in pratica la banca fornisce un numero di carta (il codice da 16 cifre stampato sulla parte frontale), una scadenza ed un codice CVV “finti”, utilizzabili al posto di quelli della propria carta reale. La carta virtuale può essere richiesta nel momento in cui si richiede la carta reale, ma anche in un momento successivo; la procedura può variare un po’ da banca a banca, ma in linea generale è sufficiente entrare nel proprio account di internet banking, andare nella sezione dedicata alla gestione delle carte e selezionare l’opzione “genera carta virtuale” o diciture simili.

Tipologie e costi delle carte virtuali

La carta virtuale può essere di diverse tipologie. Ci sono le carte monouso, ovvero quelle i cui codici possono essere utilizzati una volta sola, quindi se si vuole fare un ulteriore acquisto con carta di credito virtuale sarà necessario richiederne una nuova. Ci sono poi le carte virtuali a scadenza predefinita, i cui codici non sono più validi dopo il termine inserito alla richiesta e le carte virtuali prepagate, che danno una maggiore libertà rispetto alle altre, ma che rispetto a quelle monouso sono un po’ meno sicure (anche se il più delle volte, se qualche truffatore dovesse riuscire a recuperare i codici troverebbe la carta vuota). Essendo dei servizi aggiuntivi per chi è già loro cliente, i gruppi bancari di slito rilasciano le carte virtuali gratuitamente o a costi molto contenuti.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>