Investire sicuro: ecco quali sono i migliori investimenti tra cui poter scegliere

soldi

Chi ha dei risparmi da parte sa bene che tenerli bloccati sul conto corrente non è una buona scelta: meglio trovare delle buone soluzioni di investimento. Il problema è che qualsiasi investimento prevede una componente di rischio e non tutti sono disposti ad accettarla: esiste un modo di investire sicuro? Cerchiamo di capire quali sono le migliori soluzioni che possono scegliere i risparmiatori che non amano correre pericoli per i loro capitali.

Il rapporto tra investimento e rischio

Ogni tipo di investimento prevede un certo margine di rischio: secondo una regola che ormai più o meno tutti hanno capito, più è alto il rischio e più è alto il rendimento. I pericoli che corrono i capitali investiti possono essere di diversa natura; i più importanti sono probabilmente il rischio di mercato, che si palesa quando le cose non vanno come ci si aspettava, ed il rischio di controparte, che si concretizza quando la controparte non è in grado di rispettare i suoi obblighi contrattuali (quindi restituzione del capitale o corresponsione degli interessi). A questi si aggiungono poi il rischio di liquidità, ovvero la difficoltà che si può incontrare nel rivendere i titoli acquistati ed il rischio di cambio.

Investire sicuro con i Buoni Postali ed i Titoli di Stato

Le persone che non vogliono far correre alcun pericolo ai loro risparmi vengono definiti soggetti con bassa propensione al rischio: il loro obiettivo è quello di trovare un modo di investire sicuro. In Italia sono molte le persone che rientrano in questa categoria: lo dimostra il grande successo che continuano ad ottenere i cosiddetti prodotti di investimento sicuro, da sempre grandi protagonisti del nostro Paese. L’esempio più lampante è quello dei Buoni Postali: offrono rendimenti davvero bassi (il Buono Ordinario offre un rendimento annuo lordo dello 0,30%), ma sono emessi da Cassa Depositi e Prestiti e sono garantiti dallo Stato, quindi il rischio di perdere le somme investite è davvero molto molto basso.

Un discorso simile si può fare anche con i Titoli di Stato italiani: offrono rendimenti contenuti, però il rischio di controparte è praticamente nullo, visto che l’ipotesi di un fallimento del Paese è abbastanza remota. Anche i bond sovranazionali offrono un altissimo grado di sicurezza, ma i rendimenti sono ancora più bassi. Per quanto riguarda le obbligazioni, tutto dipende dal soggetto emittente: chi investe in titoli di questo tipo sta prestando il suo denaro all’emittente, che si impegna a restituire il capitale alla scadenza ed a riconoscere un interesse; il discorso è sempre lo stesso: più è affidabile l’emittente e minore sarà il rendimento dell’investimento.

Il conto deposito è un investimento sicuro?

Un altro prodotto che viene sempre inserito nella lista delle soluzioni migliori per chi vuole investire sicuro è il conto deposito. Si tratta di un conto che ha delle pensanti limitazioni dal punto di vista dell’operatività, ma che offre un tasso di interesse attivo sulle somme che vi vengono depositate. I conti deposito possono essere liberi o vincolati: nel primo caso, le somme sono sempre a disposizione del titolare del conto, mentre nel secondo le somme sono bloccate per l’intera durata del vincolo. I conti vincolati offrono un rendimento maggiore e possono rappresentare una buona soluzione per chi ha delle somme che sa per certo che non dovrà utilizzare per l’intera durata del vincolo. Si tratta di un investimento sicuro perché l’adesione delle banche al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi mette al sicuro ogni depositante fino a 100.000 euro, anche in caso di bail-in.

La gestione del rischio per investire sicuro

Ma investire sicuro non vuol dire solo individuare le soluzioni che offrono le maggiori garanzie: significa anche imparare a muoversi sui vari mercati in modo intelligente. La cosa migliore da fare è diversificare il proprio portafoglio di investimento, suddividendolo tra obbligazioni, azioni, materie prime, liquidità ed altri strumenti in modo tale da evitare la concentrazione del rischio su un unico titolo o un unico prodotto e, per chi pratica l’attività di trading online, imparare a gestire i pericoli sfruttando al meglio gli strumenti che vengono messi a disposizioni dalle piattaforme di negoziazione online dei vari broker.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>